Agenda

Stampa
PDF

In ricordo di Fulvio Palopoli

on . Postato in Agenda

Fulvio Palopoli è morto ieri sera, vinto dal morbo di Alzheimer. Una malattia che non perdona, come ricorda la moglie Rossella, nel necrologio con cui ne dà notizia.
 Fulvio e Rossella Palopoli: inseparabili, nella vita e in politica. Lui impegnato a Roma, nella sua prestigiosa attività di deputato. Lei sui banchi del consiglio provinciale, voluta a palazzo Santo Stefano dagli insegnanti cui dava sempre una mano, come dipendente e sindacalista del Provveditorato agli Studi. Nomine, supplenze, posti e cattedre vacanti: tutti in fila in quel grigio palazzone di Pontecorvo. C’era l’inavvicinabile Pasquale Scarpati e c’era Rossella Palopoli cui chiedere un parere, sempre a disposizione, tranne nei giorni in cui Fulvio era a Padova. Vivevano nel residence del Biri, prima di trasferirsi in centro storico.
 Fulvio Palopoli, eletto deputato nel Pci negli anni Settanta e Ottanta, può essere annoverato tra i padri della riforma sanitaria, che ha creato le Usl con il diritto all’assistenza gratuita garantita a tutti, a prescindere dal livello di reddito. Una vera «rivoluzione sociale», che portò all’eliminazione delle «casse mutue», giungla di privilegi ed inefficienze. Fu lui a scivere il testo della legge, una competenza di assoluto rilievo, che oggi gli avrebbe valso la nomina a «ministro ombra» per la conoscenza del meccanismo legislativo, tanto che Palopoli ha fatto parte del comitato medico e scientifico del ministero della Sanità. E ha diretto anche la Usl di Mestre, primo manager «rosso» in un Veneto dove la Dc aveva la maggioranza assoluta di tutto: dalle casse rurali agli ospedali. Lui che in consiglio regionale contro Tomelleri, Veronese e i dorotei aveva combattuto fin dagli anni Settanta, s’era preso una grande rivincita: presidente della Usl di Mestre. Antonio Papalia, Franco Longo e Fulvio Palopoli: sono i dirigenti che hanno fatto la storia del Pci e della sinistra a Padova e in Veneto. Se ne sono andati tutti e tre, stroncati da malattie che non perdonano. Palopoli prima di mettere piede a Montecitorio per due legislature, è stato uno stimato insegnante al Marconi, frequentato anche dal sindaco Flavio Zanonato e dal presidente della Provincia Vittorio Casarin. Abilissimo nella dialettica, ironico, era legatissimo ad Enrico Berlinguer e al fratello Giovanni, medico. Se la federazione Pci-Pds-Ds ora Pd è stata una fucina di prestigiosi dirigenti, il merito è anche di Fulvio Palopoli.
Stampa
PDF

CONVINCERE GLI INDECISI

on . Postato in Agenda

Gio 10 Luglio ore 18: Convincere gli indecisi

SALA ANZIANI MUNICIPIO DI PADOVA
Seminario di Formazione aperto al Pubblico e dedicato a tutti i membri dei circoli della provincia di PADOVA: Il profilo dell'elettore indeciso e le modalità per avvicinarlo

PRESENTA:
ROSSELLA PIOVAN Resp. Formazione PD

INTERVENGONO:
FABIO ROCCO Segretario provinciale PD
LUCIANO ARCURI Professore ordinario di psicologia dello sviluppo e della socializzazione Università degli Studi di Padova

Stampa
PDF

5 MILIONI DI FIRME PER SALVARE L'ITALIA

on . Postato in Agenda

"Cinque milioni di firme per dire no ad un governo che non rispetta le regole democratiche, forza la mano sui temi della giustizia e non fa nulla per far crescere salari e pensioni mentre l’Italia vive una pesante crisi e le famiglie faticano ad arrivare alla fine del mese. Il Partito democratico lancia dalla prossima settimana una petizione e punta a raccogliere milioni di firme tra gli italiani che stanno vedendo come il governo non mantiene gli impegni: avevano detto che le tasse sarebbero scese invece aumenteranno per tutta la legislatura, avevano fatto una campagna elettorale promettendo più sicurezza e ora tagliano le risorse proprio alle forze di polizia, parlavano di innovazione e la scuola avrà centomila insegnanti in meno...

Quella del PD è una iniziativa che durerà nel tempo e coinvolgerà i cittadini in tutto il Paese, non la fiammata di un giorno ma una campagna capillare che andrà dove gli italiani vivono. Nelle Feste in tutt’Italia, nelle piazze delle città, anche nei luoghi di lavoro: queste milioni di firme saranno anche la base della grande manifestazione che il PD ha promosso per l’autunno, tenendo insieme la difesa della democrazia, della nostra Costituzione, il rispetto delle regole e la necessità di un intervento immediato e forte per dare respiro e risorse alla famiglie, per rilanciare l’economia."
Walter Veltroni



SCARICA IL MODULO PER RACCOGLIERE LE FIRME

FIRMA ON LINE

In questa settimana incontriamoci pressso i punti di raccolta firme:

CADONEGHE FESTA DEMOCRATICA - Impianti Sportivi - 9 -13 Luglio
LIMENA
FESTA DEMOCRATICA - Prà del Donatore - 11 - 12 - 13 - Luglio

PADOVA ore 9.30 - 12.30
12 Luglio - Torre - V. Madonna della Salute - Centro Civico
15 Luglio - Arcella - Piazza Azzurri di Italia
16 Luglio - Guizza - Piazzale Cuoco
18 Luglio - Mortise - Centro La Corte
19 Luglio - Forcellini - Piazzetta di fronte all'Alì
19 Luglio -
Piazza delle Erbe

PONTE SAN NICOLO'  - piazza del mercato - 17 LUGLIO ORE 9.30
PONTE SAN NICOLO'  - piazza del mercato di Roncaglia - 18 LUGLIO ORE 9.30
PONTE SAN NICOLO'  - località Rio - 20 LUGLIO ORE 9.30
PONTE SAN NICOLO'  - località Roncajette - 27 LUGLIO ORE 9.30

DEMOCRATICA.COM