AMBIENTE

Stampa
PDF

ACQUA BENE COMUNE

Scritto da Gianluca Gaudenzio. Postato in AMBIENTE

Noi viviamo l’acqua come presenza scontata in tutte le attività della vita quotidiana. Non si può dire altrettanto per i paesi del sud del mondo, ma anche in alcune regioni del sud Italia.

La crisi idrica muove interessi che crescono sempre più e alcuni soggetti economici, le multinazionali in primis, considerano l’acqua merce preziosa, Questo processo di mercificazione sta cambiando la definizione di acqua da bene pubblico a proprietà privata, noi dobbiamo mantenere inalterata la natura dell’acqua a riaffermare il diritto all’acqua come diritto naturale.

L’acqua e la sua scarsità pone tutti noi cittadini e amministratori di fronte a grandi scelte, è quindi responsabilità sia individuale che collettiva prendersi cura di tale bene affinchè sia disponibile a tutti, nel presente come per le future generazioni.

Un dato ci fa però riflettere: ognuno di noi consuma poco meno di 250 litri al giorno di acqua, uno dei consumi procapite più alti del pianeta. Tanti i motivi dello spreco: da un eccessivo uso per irrigare orti e giardini, fino ad errato utilizzo per usi domestici e personali. Sprechi che si estendono anche al mondo agricolo ed industriale.

Infine, occorrerebbe avere una rete di distribuzione valida: quella attuale fa perdere dal 33 al 40% dell’acqua lungo il viaggio dagli acquedotti alle nostre case. Da più di vent’anni si investe poco, non si costruiscono acquedotti, la manutenzione di quelli esistenti e scarsa e poche sono le risorse inserite a tale scopo nei bilanci. I lavori necessari sono calcolati in 62 miliardi di euro, cifra enorme. Come saranno trovate le risorse per rimediare a questo “gap” strutturale?

La strada intrapresa dal nostro governo non sembra la più consona a risolvere tali problemi

Ieri con voto di fiducia è stato approvato il decreto legge Ronchi che prevede una serie di liberalizzazioni dei servizi pubblici tra cui la gestione dell’acqua..

Privatizzare è un obbligo imposto dall’Europa ci spiega il governo, la quota in mano pubblica dovrà scendere al 30%, ma in nessuna altra parte dell’Europa si vieta agli enti pubblici di mantenere la maggioranza azionaria nelle società e questo provoca la rivolta di molto Comuni virtuosi che finora hanno gestito i servizi in maniera eccellente.

Privatizzare è l’ultima speranza di adeguarci all’Europa spiega ancora il governo, ma proprio l’enormità degli investimenti necessari che porteranno a enormi costi fissi e nessuna garanzia sul futuro dei servizi a preoccuparci, finiranno per vincere le grandi aziende quotate.

Serve uno strumento di controllo, un’authority, che impedisca speculazioni che tuteli i consumatori.

Attualmente abbiamo le tariffe più basse d’Europa, ma ora per il Codacons “si profila una vera e propria stangata”. “se consideriamo in 3 anni il tempo necessario perché il nuovo sistema vada a regime, alla fine di questo processo il rischio concreto è quello di un aumento medio del 30% per cento delle tariffe dell’acqua”.

L’esperienza di altri paese ci insegna che dove grandi società gestiscono il servizio, spesso le perdite della rete sono rimaste le stesse, le tariffe sono aumentate, i controlli di qualità sono diminuiti, i servizi sono rimasti obsoleti perché modernizzarli avrebbe richiesti investimenti e dunque meno profitti.

 

Antonietta Dalla Libera

Stampa
PDF

Serata sul Piano Casa

Scritto da Gianluca Gaudenzio. Postato in AMBIENTE

Mercoledì 15 Luglio
ore 21.00
presso la Sede Provinciale PD
via B.Pellegrino 16 - Padova


SIETE INVITATI A PARTECIPARE ALL'INCONTRO SU:
LEGGE REGIONALE 398
"PIANO CASA"

interverranno:
FRANCO FRIGO
Consigliere Regionale PD
GIOVANNI GALLO
Consigliere Regionale PD


E' importante la Vostra partecipazione
poichè le Amministrazioni locali
dovranno deliberare entro il mese di ottobre
l'adozione del Piano Casa nel proprio territorio.

Stampa
PDF

Approvato dal Parlamento Europeo il pachetto clima 20/20/20

Scritto da Gianluca Gaudenzio. Postato in AMBIENTE

Scarica la mozione su sgravi fiscali per il risparmio energetico


Mentre dobbiamo fare i conti con le drammatiche conseguenze del maltempo, Berlusconi "canta vittoria" per le concessioni ottenute sul "pacchetto clima" dell'Unione Europea.
Il nostro Governo mercanteggia sulle quote di riduzione della CO2 invece Obama, per il superamento della crisi, investe sullo sviluppo delle energie alternative e sceglie come ministo dell'energia un premio Nobel. La Germania, primo produttore europeo di panelli fotovoltaici, indirizza la ricerca verso soluzioni alternative e coraggiose.
La crisi economica viene affrontata da altri paesi come una sfida con cui misurarsi attraverso una svolta, con  nuove iniziative di gestione delle risorse e strategie di rilancio imprenditoriale.
Il nostro Governo invece riduce la possibilità di accedere agli sgravi fiscali per gli interventi di efficienza energetica con un decreto legge che danneggia famiglie ed aziende e renderà ancora più pesante il momento economico.
La Consulta Ambiente propone di sensibilizzare l'opinione pubblica su tali temi e chide ai Consiglieri provinciali e comunali del Pd di portare nei Consigli una mozione che chiede il ritiro di tale decreto legge.
Propone un volantino  da distribuire perchè  non deve passare il messaggio di questo Governo, che rispettare l'ambiente, sfruttare l'energia rinnovabile è un ostacolo allo sviluppo economico.

 
 
       Antonietta Dalla Libera  
     responsabile ambiente PD


Scarica il pacchetto clima obiettivo 20/20/20   
 
Stampa
PDF

RIFLESSIONI SULL’INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA DI MONSELICE CON RIFERIMENTO ALLA PRESENZA DI TRE CEMENTERIE

Scritto da Gianluca Gaudenzio. Postato in AMBIENTE

Di recente i temi ambientali sono ritornati all’ordine del giorno a Monselice in

relazione in particolare all’alta concentrazione rilevata per le polveri sottili.

Per questo ritengo utile fornire un contributo su questo problema proponendovi

queste mie riflessioni che sono basate sulla documentazione che mi ha fornito il

comune di Monselice e sulla visita alla cementeria Radici che i cittadini di

Monselice hanno potuto effettuare tempo fa.

 

Per quanto riguarda l’immissione delle sostanze inquinanti nell’atmosfera, le

cementerie immettono varie sostanze inquinanti che possono essere per comodità

classificate in tre categorie: polveri, sostanze di natura inorganica, sostanze di

natura organica

UNITÀ.TV